“Tra la Terra e il Sole, c’è Andrea Laszlo De Simone, musicista torinese il cui pop aggraziato deve tanto alla dolcezza di un ciottolo sulla spiaggia quanto alle forze che l’hanno modellato. […] Verso l’infinito, e oltre” ha scritto il prestigioso Le Monde, mentre l’autorevole Libération (che gli ha dedicato un lungo articolo di due pagine e che già per il precedente Uomo Donna aveva capito che “eravamo in presenza di qualcosa di straordinario”) ha rincarato la dose, dichiarando: “Questo ragazzo che viene da un altro tempo, dagli occhi spalancati sormontati da un baffo alla Zappa, fa molto di più che ravvivare la fiamma del grande pop progressive italiano: la sua musica è un’arte dei rumori del mondo, ardente e universale”.

Con questo entusiasmo la stampa d’oltralpe ha accolto l’uscita di Immensità di Andrea Laszlo De Simone in Francia, Canada, Belgio, Stati Uniti e Regno Unito per l’etichetta Ekleroshock/Hamburger Records (Benjamin Clementine, Polo & Pan, Limousine e tanti altri).

Ascoltalo qui!

Ci stai cercando? Scrivici.

6 + 3 =

 

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato?